Vale la pena acquistare un carrello saliscale elettrico usato?

Conviene comprare un carrello saliscale usato? Se lo chiede chi riconosce l’utilità di questo dispositivo e vorrebbe acquistarlo, ma teme di pagare cifre troppo elevate, superiori alle poprie possibilità. Nell’immaginario collettivo, e anche nella pratica, l’usato rappresenta sempre una soluzione per risparmiare. I dubbi, casomai, riguardano l’effettiva qualità del materiale di seconda mano e la sua capacità di far fronte alle esigenze del momento.

Questi dubbi sono giustificati anche soprattutto quando l’oggetto del contendere è il carrello saliscale elettrico, un dispositivo che può presentare elementi di complessità, i quali incidono da un lato sull’ esperienza d’uso e dall’altro sulle prestazioni.

Vale dunque la pena ragionare sull’opportunità dell’acquisto di un carrello saliscale elettrico usato, descrivendo le criticità di questa scelta e i vantaggi che eventualmente reca con sé.

Il problema principale del carrello saliscale usato

Il vantaggio più grande degli acquisti di seconda mano, anche soprattutto in riferimento ai carrelli saliscale, consiste nella reale possibilità di risparmiare molto denaro. Ciò vale soprattutto per i modelli elettrici, che – da nuovi – costano migliaia di euro, arrivando in alcuni casi fino alla decina di migliaia.

Tuttavia, è necessario mettere in conto una criticità importante, che rischia di favorire scelte sbagliate. I carrelli saliscale elettrici, infatti, sono dispositivi complessi, difficili da valutare, soprattutto in riferimento alle differenze che sempre persistono tra un modello e l’altro.

Tali difficoltà in corso di valutazione si inaspriscono quando l’oggetto del contendere è un dispositivo usato. Il motivo è semplice: nell’acquisto di seconda mano entra in gioco un ulteriore parametro, ovvero l’usura del prodotto.

Ecco che il rischio di acquistare un prodotto poco performante, a un costo comunque non irrisorio, è molto alto.

La questione riguarda soprattutto i carrelli saliscale elettrici, più che i manuali. I modelli elettrici, infatti, sono molto più complessi e difficili da valutare da persone non esperte.

Come scegliere un carrello saliscale elettrico usato

Vale dunque la pena parlare dei carrelli salescale elettrici, fornire una panoramica dei modelli, passaggio essenziale per scegliere il dispositivo più adatto, sia esso usato o nuovo.

Il riferimento è in particolare alle due sottotipologie in cui possono essere suddivisi tutti i carrelli saliscale elettrici: a tre ruote e cingolati. 

I carrelli a tre ruote sono movimentati da gruppi di tre ruote, i cingolati sono movimentati da veri e propri cingoli, simili a quelli dei carri armati.

I tre ruote vantano un design più slanciato e una buona capacità di carico, benché inferiore a quella dei carrelli cingolati. Questi ultimi eccellono dunque in termini di capacità di carico, ma sono mediamente più ingombranti.

I criteri da utilizzare

Il primo criterio da prendere in considerazione è l’uso che si intende fare del carrello saliscale. O, per meglio dire, il contesto nel quale verrà utilizzato. Se lo scopo è trasportare merce su per le scale di un condominio, magari per portare a termine una spedizione o una consegna, il tre ruote è senz’altro la soluzione più adatta. Infatti, il design slanciato è adatto a percorrere scale strette, come quelle degli edifici residenziali.

Di contro, un carrello cingolato potrebbe fare più fatica. Certo, porterà a termine il suo compito, ma con maggiore difficoltà e in un arco di tempo più lungo. Tanto vale chiamarlo in causa in contesti diversi, come quelli relativi alla logistica e alla gestione dei depositi, che in genere offrono spazi più ampi.

A incidere è anche la tipologie di merce da trasportare. Se questa si riduce a pacchi, elementi di arredo, elettrodomestici, macchinari di uso non industriale, il tre ruote – con la sua capacità di carico comunque all’altezza – va più che bene. 

Per quanto concerne i parametri tecnici, che riflettono le prestazioni dei vari modelli, andrebbero analizzati: 

  • Capacità di carico
  • Dimensioni del dispositivo
  • Durata della batteria
  • Tempo di carica della batteria
  • Autonomia (espressa in gradini)
  • Presenza di sistemi di autobilanciamento

Quest’ultimo punto è importante. Uno dei rischi connessi all’uso dei carrelli saliscale elettrici è la tenuta dell’oggetto trasportato. Per fortuna, i modelli più recenti sono dotati di dispositivi che rilevano in tempo reale la posizione del carico e favoriscano un bilanciamento automatico

Tale elemento va preso in considerazione, anzi va direttamente ricercato, quando si valuta un carrello saliscale elettrico usato: è sempre presente nei modelli nuovi, ma potrebbe mancare nei modelli vecchi, che appartengono per lo più a generazioni precedenti. 

About giuseppe.briganti