Trasporto mobili: qual è il saliscale ideale?

Il trasporto dei mobili è un’attività che cagiona sempre qualche ansia, anche quando a eseguirla è un professionista. Vi è il timore che possa cadere e rompersi, o causare danni al pavimento, alle scale etc. A maggior ragione se il trasporto avviene lungo una rampa di scale. Per fortuna, esistono dispositivi in grado di facilitare il trasporto dei mobili. Tra questi spicca il saliscale.

Sì ma… Quale saliscale? D’altronde in commercio vi sono tanti modelli. Ecco qualche consiglio utile per scegliere il saliscale più adatto, se lo scopo è trasportare dei mobili.

Cos’è il saliscale e a cosa serve

Il saliscale, più correttamente carrello saliscale, è un dispositivo che consente di trasportare degli oggetti più o meno pesanti e più o meno ingombranti da un piano all’altro. Percorre fisicamente i gradini, in quanto dotato di ruote o di cingoli. Può essere meccanizzato o meno. Nel secondo caso, il contributo “umano” è determinante. 

Non va confuso con il montascale. Per quanto l’assonanza sia forte, i dispositivi sono differenti, si basano su tecnologie diverse e vantano altrettanto diverse applicazioni.

Il montascale, infatti, non sale le scale, ma scorre su un binario posto accanto ai gradini. Il suo scopo è trasportare persone, le quali si siedono sulla poltroncina o si pongono – con la carrozzina – sulla pedana e in pochi secondi raggiungono il piano superiore (o quello inferiore). Nel secondo caso, ovvero quando il montascale è composto da una pedana e non da una poltroncina, si parla più propriamente di servoscala.

Il saliscale, in alcuni limitati casi, può assolvere alle medesime funzioni del montascale. Ovvero, può trasportare persone. O, per meglio dire, le sedie a rotelle con l’utilizzatore comodamente seduto sopra. I saliscale che assolvono a questa funzione, però, fanno riferimento a modelli particolari, pensati appositamente per soddisfare più esigenze.

Per il resto, e limitatamente ai modelli elettrici, va citata la distinzione tra saliscale cingolati e saliscale a tre ruote.

I saliscale cingolati sono di norma un po’ più stabili, più potenti e in grado di sopportare carichi maggiori. Tuttavia, sono più ingombranti e potrebbero non risultare adatti agli spazi stretti. 

I saliscale a tre ruote sono più flessibili, meno ingombranti. Tuttavia, risultano spesso meno potenti. 

A chi serve un saliscale

Il saliscale è un dispositivo versatile, che soddisfa più esigenze. Dunque, risulta utile in più situazioni e a più categoria di persone. 

  • Venditori e spedizionieri. Chi vende e spedisce oggetti ingombranti trova nel saliscale una risorsa per velocizzare le attività, metterle in sicurezza e proteggere i dipendenti da infortuni. Pensate al trasporto di elettrodomestici, mobili (per l’appunto), strumentazioni imponenti. L’errore o la semplice sfortuna è dietro l’angolo: l’oggetto scivola dalle mani, costringe l’operatore a movimenti innaturali, cagiona danni a questi ultimi e alle scale (non proprio il miglior biglietto da visita).
  • Agenzie di traslochi. Stesso discorso per chi opera nei traslochi. Certo, le piattaforme aeree rappresentano le strumentazioni standard, ma per i carichi minuti il saliscale è più indicato. 
  • Privati. Anche i privati possono trarre beneficio dall’uso del saliscale. In primis, esistono modelli più piccoli, meno potenti e meno costosi, finalizzati al trasporto di beni di prima necessità: legna, pellet, la semplice spesa (che può rappresentare un problema per le persone a ridotta mobilità).

Tuttavia, il saliscale può rendersi necessario anche il caso di trasloco, parziale o totale, in modalità fai da te. Nella fattispecie, visto il carattere una tantum dell’utilizzo, è bene preferire il noleggio all’acquisto. 

Quale saliscale per il trasporto mobili

Giungiamo all’argomento principale dell’articolo: quale saliscale per il trasporto mobili? I mobili rappresentano una categoria di oggetti particolari. 

Richiedono coordinazione e forza fisica per essere trasportati, visto che in genere sono grandi e pesanti. Richiedono soprattutto una certa delicatezza. 

Rovinarli significherebbe compromettere una delle loro funzioni principali: l’abbellimento degli spazi interni.

Ora, i modelli utili al trasporto mobili sono numerosi. Più che elencare i modelli, è utile riportare i criteri che rendono un saliscale adatto a trasportare i mobili. 

  • Snodi numerosi. Il termine “snodo” indica il punto in cui la struttura del saliscale può essere piegato, in modo da adeguarsi alla forma dell’oggetto trasportato. I mobili sono oggetti di design, dunque possono assumere forme diverse (pensiamo solo alle gambe dei tavoli in legno, che spesso sono affusolate e intarsiate). Più nodi significa più aderenza. Più aderenza significa minori rischi che l’oggetto cada. 
  • Sistema di bilanciamento. I mobili possono essere molto grandi e molto pesanti. Di base, possono sbilanciare il saliscale. Per questo motivo, è bene che il modello  sia dotato di un sistema di autobilanciamento.
  • Potenza di carico. Ovviamente, i mobili pesano, Un armadio può tranquillamente superare i due quintali. E’ bene che il saliscale sia potente.

Per quanto concerne la tecnologia di movimentazione, cosa è bene preferire tra il tre ruote e il cingolato? A bruciapelo si rispondere: il cingolato. D’altronde, è in genere più potente. Tuttavia, spesso potrebbe rendersi necessario il tre ruote. Alcuni modelli eguagliano in potenza i cingolati e in ogni caso sono più compatibili con gli spazi stretti.

Lascia un commento